Navigazione veloce

Galleria dei lavori

Classe 5 A Robegano: L’ambiente non è solo un’unità didattica ma anche uno stile di vita!

I ragazzi della 5A di Robegano guidano il plesso approfondendo l’Unità didattica scelta per l’anno scolastico mettendo in pratica non solo ciò che hanno imparato ma anche il pensiero critico e la conoscenza informatica.

20190416_105043 20190416_105050

 

Scuola “S. Pio X” classi seconde: osservatori, artisti e raccontastorie…

20190416_105914 20190416_105857 20190416_105450 20190416_105441

Scuola “S. Pio X” classi prime in azione!

Quest’anno le classi prime stanno conoscendo nuovi personaggi che le accompagnano nel mondo di lettere, suoni e colori….

20190416_105147 20190416_105158 20190416_105233 20190416_105345

Scuola S.Pio X di Robegano: il nostro impegno per l’ambiente e la sua scoperta continua….

L’impegno del plesso di Robegano non si è fermato al 15 marzo scorso ma continua per l’intero anno scolastico e tutte le classi a loro modo contribuiscono a conoscere l’ambiente che ci circonda e a rispettarlo. 20190416_105112 20190416_105105 20190416_105535 20190417_121511 20190417_121448

Classe 3ATP Robegano aderisce a GIARDINOINGIRO.

Dopo aver fatto crescere le nostre piantine andiamo a sensibilizzare Robegano sull’importanza di prenderci cura della natura e così regaliamo il nostro impegno a chi incontriamo per strada……e già che ci siamo diamo pure una pulitina a strade e giardini pubblici! pixlr_20190412150018260

Classe 3ATP Robegano incontra la Coop.

Grazie al laboratorio Coop la classe terza di Robegano ha potuto approfondire il valore delle immagini e lavorare sul dar voce ad un silentbook.

20190408_091715 20190408_091722 20190408_094914

2 aprile 2019 la scuola primaria S. Pio X si accende di blu per la giornata mondiale sulla consapevolezza dell’autismo

Grazie alla guida e alla sensibilità delle proprie insegnanti i bambini hanno riflettuto su questo tema capendo che la diversità è normalità e ricordando che si è unici esattamente come tutti gli altri! pixlr_20190402194217965

Corrispondenza scolastica e mailart per le classi terze di Robegano e Salzano.

Il 30 e 31 marzo 2019 l’Istituto comprensivo D. Alighieri di Salzano con il patrocinio del Comune ha presentato la mostra di mail art sulla corrispondenza scolastica. L’Istituto è stato la prima tappa veneta che vede la partecipazione di Istituti comprensivi di tutta Italia. La corrispondenza scolastica ha origine da un’iniziativa dei pedagogisti Celestine ed Elise Freinet che hanno influenzato con la loro didattica le scuole di tutto il mondo. Ad oggi le classi terze delle scuole primarie di Salzano e Robegano hanno aderito all’iniziativa della corrispondenza con entusiasmo, ritenendo che: “il tempo dedicato alla scrittura personale, il tempo dell’attesa e la conoscenza di realtà lontane dalla propria quotidianità siano valori preziosi da insegnare ai bambini”. Accanto alla corrispondenza scolastica Il Movimento di Cooperazione Educativa e Le RIDEF (Rencontre International des Educateurs Freinet) hanno lanciato la sfida di una mostra itinerante di Mail art che: coinvolga e unisca tutte le scuole che partecipano alla corrispondenza scolastica, in un immaginario girotondo che si fermerà nel 2020 In Quebec (Canada) per il prossimo RIDEF. All’interno della mostra erano presenti i lavori dei bambini di Salzano ma anche di Marsala, Rueglio e Pinerolo. Sabato 30 marzo alle 15,20 si è svolta l’inaugurazione con la presenza delle Autorità. I piccoli autori hanno poi potuto spiegare le proprie opere intervistati dalla Vicepreside Prof.ssa Bernardi. A seguire i bambini hanno potuto ascoltare alcune fiabe animate dal “Gruppo di lettori volontari”. Domenica invece, sempre alle 16,00 grandi e piccini hanno sperimentato le “magie di carta” realizzando origami che hanno potuto poi portarsi a casa. Ecco che le lettere ieri, come oggi, sono capaci di “recapitare”: sogni, speranze e un po’ di cuore di chi decide di sedersi e prendere tempo per carta e penna.   pixlr_20190330135341941 pixlr_20190402193855385

Come si studia geografia in terza a Robegano?

Noi abbiamo deciso di scendere in campo con mappe e passeggiate all’aria aperta !

pixlr_20190402194041170

Programmare il futuro…

…la classe 3ATP di Robegano ha accettato la sfida  con il corso d’informatica e coding !   pixlr_20190326205612691

Fridays for future

Il 15 marzo 2019 anche noi c’eravamo ed al nostro fianco tutto il plesso di Robegano….grazie amici insieme possiamo cambiare il mondo!

La classe terza ATP nell’ambito dell’UDA riguardante l’acqua…

…ha avuto la fortuna di partecipare ad un corso di acquerello tenuto al Prof. Pasquale Mazullo…i piccoli artisti sono tutti entusiasti e pronti a lasciare il cellulare per un modo diverso di conservare i ricordi!

Un “assaggio” delle attività della CLASSE 3ATP di ROBEGANO

1 CHE BELLA PAROLA! Ogni bambino della nostra classe ha approfondito una parola straniera e il suo significato. Scoprendo luoghi, usi e costumi abbiamo capito che la multiculturalità arricchisce il nostro vocabolario ma anche la nostra vita. 2 ESPERIENZE DI COOPERATIVE LEARNING. La storia e le scienze sono più divertenti e facili se si sceglie il giusto compagno di viaggio e si lavora con i propri amici.

3

PICCOLI CITTADINI CRESCONO! Conoscere il proprio territorio: restando per un po’ con l’attenzione “silenziosa”, guardando ciò che di solito attraversiamo distratti e prendendoci tempo per parlare con le persone.

IL TEMPO DELLA LUMACA. Imparare a prendere tempo e regalare tempo e gentilezze, ecco che allora riscopriamo la posta e la nostra classe diventa un piccolo ufficio postale.

5

LA NOSTRA ISOLA SEGRETA. Esiste un luogo dove il tempo si ferma e nel modo “più comodo possibile” dedichiamo del tempo a viaggiare attraverso i libri.

6

PICCOLI YOGI. L’ora di ginnastica è gioco, divertimento , regole, squadre ma anche sapersi prendere cura di se stessi e degli altri con il nostro percorso di yoga. 7 MUSEO DEL TEMPO. La nostra classe ha deciso che c’è un modo divertente per imparare la storia e lo facciamo con un COMPITO DI REALTA’: nel nostro museo del tempo raccontiamo la preistoria a tutti i nostri compagni della primaria che vengono a trovarci.

I DIRITTI DEI BAMBINI. Lavoriamo sui diritti dei bambini e delle persone innanzitutto conoscendo il significato delle parole e poi imparando ad usarle. Naturalmente il diritto che più ci piace è quello al gioco e allora aiutiamo i bambini più sfortunati di noi per condividere questo diritto così bello!

SIAMO TUTTI GEOLOGI. Grazie ad una super mamma conosciamo fossili e tipi di rocce passandocele di mano in mano, imparando le parole chiave e soprattutto facendo tante tante domande!

10

IL MURO DEI PENSIERI BELLI. Quando tutto sembra andare storto la nostra ricetta è condividere con i compagni i nostri pensieri belli.

TUTTI IN AGORA’. Benvenuti nella nostra Agorà: un’ora a settimana le maestre stanno zitti e la parola passa ai bambini e tutti imparano!

GIORNATA DELLA MEMORIA. Nel giorno della memoria dopo tante storie lette e raccontate e dopo aver tanto parlato fra di noi abbiamo deciso che dobbiamo tutti ricordarci di non dimenticare le cose importanti e quindi abbiamo creato il nostro ulivo della memoria.

Libera  Contro le mafie

Ogni 21 marzo, primo giorno di primavera, l’associazione Libera celebra la Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie, perché in quel giorno di risveglio della natura si rinnovi la primavera della verità e della giustizia sociale. Dal 1996, ogni anno in una città diversa (quest’anno a Messina) viene letto un elenco di nomi di vittime innocenti, perché è un dovere civile ricordarle tutte. Gli alunni delle classi terze della scuola secondaria, nell’ambito del progetto “Educare alla cittadinanza e ai diritti umani”, hanno voluto partecipare a questo evento allestendo una mostra come testimonianza del loro impegno per la legalità. resize20160321_104715resize20160321_104658resize20160321_104707 Alcuni lavori esposti erano stati già presentati dagli alunni delle classi 3^A e 3^B in occasione dell’incontro dell’11 marzo organizzato dal Presidio Libera del Miranese, che, da quest’anno, è intitolato al piccolo Domenico Gabriele, presso l’Engim di Mirano e che ha visto coinvolte le scuole secondarie di primo e secondo grado dei Comuni di Mirano e Salzano. Va ricordato, inoltre, l’incontro del 18 febbraio presso la sede centrale dell’Istituto Comprensivo D.Alighieri di Salzano, organizzato in collaborazione con l’associazione “Libera contro le mafie” e rivolto a tutte le classi 3^, con la testimonianza dei genitori di Domenico e di un testimone di giustizia, accompagnati dal coordinatore provinciale di Libera di Crotone e dal presidente del presidio Libera di Mirano. É intervenuto anche il giornalista Bruno Palermo, autore del libro “Al posto sbagliato. Storie di bambini vittime di mafia”. Ogni classe terza si è poi collegata in streaming con Messina il giorno 21 marzo per partecipare direttamente alla lettura dei nomi di tutte le vittime di mafia. Il tema di quest’anno è stato “Ponti di memoria, luoghi di incontro”; le classi di Salzano hanno realizzato varie attività: alcune hanno prodotto cartelloni, altre hanno scritto su nastro tutti i nomi delle oltre 900 vittime, per stringersi in un grande simbolico abbraccio con i familiari di tutti gli innocenti uccisi dalle mafie, che si erano riuniti in tutte le piazze d’Italia. La classe 3^G di Robegano ha   realizzato un video per testimoniare il modo in cui ha vissuto questo evento. resize20160321_105157 resize20160321_104731 resize20160321_104816 resize20160321_104836 resize20160321_105004 resize20160321_105150

Primaria S. G. Bosco

Nel corso dell’anno scolastico 2015/2016 nelle quattro classi quinte della scuola Primaria S.G. Bosco di Salzano  (tot. 89 alunni), sono stati affrontati ed approfonditi tre argomenti di forte attualità ed esattamente: -    Diritti e doveri ( sett.-nov) -    L’immigrazione (dic.-febb.) -    Guerre, pena di morte, nucleare (Marzo-magg.) A tutti gli alunni è stato distribuito di volta in volta un questionario d’ingresso che ha favorito il confronto e la discussione tra gli alunni stessi. A conclusione di ogni singolo argomento sono stati prodotti dei cartelloni (cm. 100 x 70) ed esattamente: -    Diritti e doveri n°10 (affissi all’ingresso dell’atrio) -    L’immigrazione n° 17 (mobili) -    Guerre, pena di morte, nucleare n° 19 (mobili).